pumpkins-time is olives-time

La zucca hokkaido che si è sviluppata appesa ad una rete metallica ci si è intrappolata dentro, assumendo una forma bizzarra

hokkaido pumpkin

hokkaido pumpkin


Il mese di novembre ha presentato una armoniosa alternanza di pioggie e bel tempo, spesso nel corso di una stessa giornata. È arrivato il tempo delle olive, per la cui raccolta quest’anno mi sono proposto di non muovere un dito. In compentso qualcun altro ha passato qualche meditativo quarto d’ora a spiluccare le olive verdi dai rami bassi di alcuni alberi, onde farle in salamoia. Dopo un periodo in acqua e sale, e la successiva lavorazione con origano, peperoncino, aglio e finocchio, il risultato è a dir poco succulento!
olives

olives


Personalmente nel poco tempo trascorso in campagna mi sono dedicato a raccogliere in abbondanza rami e foglie di salvia e di rosmarino. Una piccola parte di questi sono finiti sotto spirito come ingredienti del liquore di erba luisa, mentre un bel mucchio, lasciati ad essiccare all’asciutto,possono servire per molti altri usi, dalle tisane ai pout-purri insettifughi ad additivo nell’impasto del pane.
sage

sage


Naturalmente la raccolta di erbe si è estesa all’erba luisa appunto, una pianta aromatica rustica che ho preso l’abitudine in autunno di tosare per tenerne le foglie e nella medesima azione di propagare per talea legnosa in vasi appositamente predisposti.

Oltre a ciò, in novembre è continuata la raccolta dei frutti di fejoa, che a questo punto non sono serviti più solo al consumo diretto, ma -soprattutto quelli venuti su troppo piccoli per mangiarli col cucchiaino- li si è fatti a pezzetti e cacciati nell’alcool onde ottenere il liquore di fejoa. Cosi anche una volta terminata la stagione ci si potrà giovare del loro esotico aroma.
erbe in macerazione nell'alcool

erbe in macerazione nell’alcool


Alcuni frutti ritardatari di kaki sono rimasti a vegetare sulla pianta ancora fino a fine mese, ma senza diventare affatto molli come si è abituati a mangiarli: hanno la consistenza di mele, e come mele vengono mangiate.
kaki almost ripe

kaki almost ripe


Anche le zucche sono venute troppo in là nell’autunno, ed ora evidentemente il sole è diventato troppo debole per farle maturare del tutto. Ciononostante si possono senz’altro mangiare come fossero dei grossi zucchini.
a teenager pumpkin

a teenager pumpkin


Ho raccolto le (poche) piante di lino cresciute in vaso, ormai completato il loro ciclo vitale, e ne ho conservato le capsule rotonde sulle loro sommità,contenenti i salutari semini rossi che di solito butto dentro l’impasto del pane di casa.
flax heads

flax heads


Ma soprattutto mi sono rallegrato di ottenere un mazzo di steli, che al loro interno -una volta opportunamente mastrussati- esibivano la valida fibra, con cui per secoli si è tessuta qualsiasi cosa che oggi si tesse con il cotone o i sintetici.
flax fibers

flax fibers


Come ho gia scritto nello scorso articolo, mi piacerebbe prima o poi poter raccogliere qui a Cittanova degli avocado di propria produzione, anche perchè non ho voglia di continuare a comprarli dal lidl a Taurianova (che rappresentas un viaggio di 12 chilometri) a minimo 1 euro l’uno. Perciò, dopo aver investito in estate un po di denaro in una pianta di avocado che spero presto soddisferà il mio bisogno personale di questo sostanzioso frutto, ho intercettato alcuni frutti di avocado locali al mercato settimanale (a 2 euro al chiilo!), e subito dopo averli consumati ho piantato i grossi semi globosi, la metà in vaso coperti da una cortina di plastica, l’altra metà con il metodo usuale dei tre stuzzicadenti e il bicchiere d’acqua.
growing avocado

growing avocado


Altri esperimenti: dopo essermi chiesto per qualche anno cosa farmene di questa pianta alta e robusta che cresce così rigogliosa d’estate, e che in autunno produce sulla sommità grappoli di frutti violacei, mi sono deciso di guardare in un libro per identificarla: si chiama Phytolacca americana, è velenosa a meno che non sia dosata attentamente da certi sciamani nordamericani, e l’unica cosa che ci si può fare senza pericolo e tingere di violetto i tessuti.

Phytolacca americana

Phytolacca americana

Detto fatto: un ciuffo di lana di pecora bianca ha assuto dopo un bagno nel succo una tinta molto piu interessante.

wool coloured with Pytholacca juice

wool coloured with Pytholacca juice

Intanto il sollazzo dei frutti freschi di Fejoa continuava fino a inizio dicembre!

feijoa

feijoa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...