Ottobre – Si sta come d’autunno/ Sugl’alberi le olive

Sono tornato in Calabria solo l’ultima settimana di ottobre, ma grazie ad alcune foto scattate dalla signorina Pannell nel corso delle tre settimane precedenti, ho potuto farmi gia prima di arrivare un’idea dell’evoluzione delle cose.
La vegetazione è cresciuta enormemente, se pensiamo che nel giro di 5 settimane alcuni rami di rovo, che avevo tagliato prima di partire, ora erano piu lunghi di oltre un metro! Per rendere l’idea, un getto di rovo che non era mai stato tagliato durante la stagione, ora superava comodamente i sei metri di lunghezza! E ora chiediamoci un po’ perchè la gente a queste latitudini è cosi ossessionata dall’ordine nelle campagne… senza ordine dopo due settimane di vegetazione incontrollata gia si sta in mezzo alla jungla!
Ed io che pensavo che la bella stagione fosse gia finita!
Di fatti il rinverdimento generale che avevo fatto in tempo a vedere a settembre, nel mese successivo era diventata una vigorosa ripresa vegetativa.
Basti vedere le melanzane:

Le zucche,

i peperoni:

le angurie:

Tutti questi ortaggi di provenienza tropicale e subtropicale, abituati a prosperare dove il clima è caldo e piovoso, hanno trovato proprio in questo periodo, fra settembre e ottobre, le condizioni migliori per prosperare.

Sono le stesse piante che in queste zone vengono massivamente coltivate in estate, ma a costo di prosciugare le falde idriche per sostentarne la crescita durante la siccità.
Devo qui ricordare che le piante suddette le avevo gia tutte piantate/seminate fra maggio e giugno, ma nel corso di quattro mesi di sole torrido e poca acqua nessuna di loro aveva fatto grandi progressi.
Il lavoro principale di ottobre è consistito nella preparazione degli ulivi alla raccolta agevole dei piccoli frutti, che cadono in queste zone gia a ottobre ma vengono raccolti sistematicamente solo a partire dal giorno dei Morti, il 2 novembre.
Si sono cioe tagliati tutti i rovi e tutti i polloni che a centinaia crescevano tutt’intorno ai piedi di ulivo. I rovi sono stati ammucchiati e bruciati, mentre i polloni sono stati messi da parte per futuri lavori di intreccio canestri, mentre come impellenza immediata si sono dimostrati utili nella costruzione di scope, attrezzo indispensabile per la raccolta manuale delle olive.

Cosa ci ha regalato di commestibile la terra in Ottobre?
Peperoni e peperoncini,
 ,
angurie,
DIGITAL CAMERA
-le mele cotogne, con cui sono stati preparati uno squisito sorbetto fatto di frutti cotti e una specialità di origine inglese chiamato “Quince jelly” cioe gelatina di cotogno. La si puo usare per fare qualsiasi marmellata essendo un gelificante, ma anche da sola ad accompagnare il formaggio.

– poche uova: chissà quale nascondiglio hanno trovato le galline per deporre le uova lontano dagli occhi umani?

basilico genovese

limoni

melanzane

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...